Home

“Siamo fatti di una materia di cui non vediamo veramente la forma, ma ciò di cui vediamo le sembianze dipende dai nostri occhi, circondati di maschere e di sorrisi che rispecchiano quello che non ha né materia né sostanza”

La storia è il fabbro dell’uomo, la terra è il suolo su cui realizzarsi, il cielo, la coperta sotto la quale proteggersi. Il mondo è mostro dell’esistenza e nostro per il tempo concesso.

I dialoghi delle esperienze, della fantasie, della creatività e dell’immaginazione. Frutto del presente, del passato e del futuro.

Le foglie del pensiero che frullano nel cielo delle riflessioni, cadono a terra accarezzandola, germogliano nell’operare e nell’agire della mente.

Le parole uniche di cui è composta una lingua incantata, affascinante, dotata di maestria nel veicolare i significati. Le parole possono essere semplici, gustose, raccapriccianti, allucinanti, afferrabili. Splendide.

Le storie proprie, altrui, generali e tanto piccole da essere quasi andate perdute. Le biografie, le dottrine di coloro che non soccomberanno alle nebbie dell’incomprensione.

I dipinti e i disegni, l’esercizio della pazienza e della precisione.

I miei romanzi, frutto dell’ispirazione, del dolore, della gioia, del giorno e della notte. Prima pubblicazione La Gloria del Sangue e nel futuro molti altri.

Legam“: la sezione dedicata a studi, classici, saggi, romanzi, enciclopedie e storie brevi. Senza recensione, solo brevi – se presenti – considerazioni, un incipit e un paragrafo, o un brano, tratti dal libro a prima apertura. Nessuna pubblicità, nessuna promozione, solo la dimostrazione che vi sono autori le cui opere passano nell’ombra o rimangono chiuse nei loro ambiti accademici e di genere. E noi non dobbiamo permetterlo. VOI, avrete la piena libertà di scegliere. Leggo oppure no?