Critica del giudizio – Immanuel Kant

Critica del giudizio

Immanuel Kant

Traduzione di Alfredo Gargiulo – Introduzione di Paolo d’Angelo

Pubblicata nel 1790, la Critica del Giudizio è l’opera in cui Kant analizza in maniera critica il Giudizio di tipo estetico. Kant si occupa della facoltà del giudizio, da cui derivano il giudizio estetico e il giudizio teleologico. Viene poi considerato il sublime e viene sostenuto che il giudizio teleologico consiste nell’attribuire una finalità alla natura.


Incipit: “Allorché col considerare la filosofia in quanto essa contiene i principii della conoscenza razionale delle cose mediante concetti, come si fa comunemente, in teoretica e pratica, – si ha perfettamente ragione di condursi in tal guisa. Ma allora è necessario…”


Ad apertura di libro: “Per comprendere che una cosa non è possibile se non come fine, vale a dire che la causalità della sua origine deve essere cercata non nel meccanismo della natura, ma in una causa il cui potere è determinato ad agire da concetti, è necessario che la sua forma non sia possibile secondo…”

img_2609

Edizione di riferimento per l’articolo, Economica Laterza


img_2576

Articoli precedenti sezione Legam: La saggezza della vita – Arthur Schopenhauer, Cervello e emozioni – José Antonio Jáuregui, Natura e condotta dell’Uomo.


GC – The Melted Soul

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...