Bartleby lo scrivano e altri racconti americani – Herman Melville

Bartleby lo scrivano e altri racconti americani 

di Herman Melville

Breve biografia di Herman Melville

Herman Melville è uno dei grandi fondatori della letteratura statunitense. Nato a inizio ‘800 da una famiglia agiata, si ritrova costretto ad interrompere gli studi a causa della morte del padre e prima ancora del fallimento. Melville non avrà un lavoro fisso malgrado i numerosi mestieri appresi, fino a quando non deciderà, a causa dell’instabilità finanziaria, di imbarcarsi su una nave diretta in Inghilterra.

img_2552.png

I suoi viaggi saranno le prime muse per i romanzi e quando entrerà a far parte della società letteraria di New York, si trasferirà nella città fino al 1850, luogo in cui si sposerà. Si trasferirà poi in Massachussets.

Purtroppo la carriera letteraria non sarà in ascesa, bensì in declino e non per una produzione di poco conto, bensì per quello che viene considerato oggigiorno uno dei più rilevanti romanzi della letteratura statunitense: Moby Dick. I sentimenti dilaganti furono all’insegna del disinteresse e le critiche furono aspre. Il libro venne presto dimenticato e anche Melville, dopo anni di peripezie letterarie ed economiche, si ritroverà a lavorare come impiegato alla dogana del porto di New York, fino alla morte nel 1891, dimenticato.

img_4370-e1550857375425.jpg

Empire State Building – New York

Per fortuna le opere di Melville sono state riscoperte, per sfortuna il successo è stato postumo…

La rivivificazione di Melville avverrà grazie ad alcune correnti di sperimentalismo novecentesco e diverrà anche oggetto di studio di critici. Moby Dick verrà tradotto in Italia ad opera di Cesare Pavese nel 1932.

 


Bartleby e Wall Street

Bartleby racconta sia il momento cruciale dello sviluppo economico statunitense, sia il tracollo della carriera letteraria di Melville stesso. Wall Street è il luogo in cui è ambientato il racconto, precisamente in un ufficio ed ha anche un grande valore simbolico: nella narrazione è costantemente presente la sensazione di impenetrabilità e di separazione: di un muro.

Bartleby non verrà mai descritto in maniera particolareggiata e certe caratteristiche, come l’austerità, l’insondabilità e la mitezza, diverranno in realtà riflesso degli altri.


Il resto del racconto, come quelli che seguono all’interno dell’edizione Sempreverdi, li lascerò alla tua lettura!


Incipit: 

“Sono un uomo abbastanza avanti in età. La natura della mia professione negli ultimi trent’anni mi ha messo a contatto più del consueto con quella che parrebbe una specie di uomini interessante e piuttosto singolare di cui, per quanto ne so, non si è mai scritto nulla: voglio dire i copisti o scrivani di legge.”


Ad apertura di libro: 

“Smontando, e facendomi strada con prudenza per la discesa pericolosa – uomo e cavallo ogni tanto scivolavano insieme sui tratti di ghiaccio – alla fine mi spinsi, o fui spinto dalle folate, nella piazza più grande, su un lato dell’edificio principale.”


img_1664

Edizione di riferimento per l’articolo


Copertina Shuffle

¡Shuffle! Libri precedenti della sezione Legam: Etica NicomacheaSpiegare il mondoFedone.


GC – The melted Soul

2 pensieri su “Bartleby lo scrivano e altri racconti americani – Herman Melville

  1. Pingback: Questione di genere – Judith Butler | The Melted Soul

  2. Pingback: Paradisi Artificiali – Charles Baudelaire | The Melted Soul

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...