Estratto – 14

“Spostai le braccia pesanti di Simo e andai in bagno. Mi lavai e scesi in cucina. Mia mamma aveva lasciato un post-it attaccato al frigo. I croissant erano in forno, tiepidi. Mi aveva disegnato anche uno smile e un altro memoria che non aveva niente a che fare con quello di prima: ti voglio bene, aveva scritto e capii, con un certo imbarazzo, che lei sapeva benissimo cosa era accaduto in camera la notte passata. Sorrisi tra me e me. Appena sentii i passi di Simo scendere dalle scale, lo accartocciai, nascondendolo della taschina dell’accappatoio”.

Estratto da “La Gloria del Sangue”

Pagina 111

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...