Estratto – 12

“Lui rise, di gusto, sfacciato, puntandomi una lama nera alla gola, chinandosi su di me, le labbra a pochi centimetri dalle mie. – Cosa vuoi Aletcsa?-, ripeté sottovoce, suadente, mellifluo, sfiorandomi con le dita lunghe e fredde dietro un orecchio, salendo poi tra i capelli. Li strinse all’improvviso, tirandomi su la testa, mentre ringhiavo, ruggivo, per mantenere il segreto. -L’ultima volta-, sentenziò velenifero. Avevo ancora l’arma puntata alla gola. – Cosa vuoi Aletcsa?-. Non caddero lacrime, la mia espressione era solenne, carica di significato. -La mia vita. Davide. O la morte-.

Estratto da “La Gloria del Sangue – Libro Primo”

Pagina 310

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...