Estratto – 9

“I giorni passavano sempre uguali e pesanti, senza sonno e come ogni volta le poche ore di riposo, in cui il mio corpo si rilassava, erano irte di battaglie in cui campeggiava la morte e la mia indiscussa superiorità. Dormii a mala pena per qualche ora, sognando allenamenti, urla, sangue, distruzione, una fame di trucidare micidiale e centinaia di simboli che volteggiavano nell’aria e nei fumi della devastazione, pari a foglie autunnali in un bosco, posandosi a terra e assorbite da quello che non era semplice suolo, ma la mia pelle, gelida, nera, irta di squame e uncini affilati”.

Estratto da “La Gloria del Sangue – Libro Primo”

Pagina 439

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...